giovedì 5 maggio 2011

Paranoica io? Può darsi...

Come nell'altro post già v'ebbi a dire
La paranoia assilla la mia mente
Sì che'l pensarvi non mi fa dormire...


Come appunto dicevo, e come forse vi sarete accorti, io sono un pochetto paranoica. Soprattutto in questo periodo. Dev'essere un effetto collaterale della primavera.
“Se mi guardo allo specchio, io mi sputo in un ecchio”, come cantava Renzo Arbore.
Perciò meglio non guardarsi.
L'altro giorno l'ho fatto. E non a casa mia, ma in un salottino di prova di un grande magazzino.
Se mi guardo nello specchio di casa mia certe volte riesco a trovarmi discretamente accettabile.
Nei salottini di prova no, mai.
I salottini di prova dei grandi magazzini devono essere stati progettati da un sadico.
Ci sono sempre quelle luci fortissime che mi fanno venire in mente le lampade da interrogatorio nei telefilm americani.
“Confesso, confesso tutto!”, mi viene da esclamare tutte le volte che entro in un salottino di prova.
Quei faretti emanano un calore estremo, e quando provo qualcosa già vedo il mio volto imperlato di sudore, simile più che mai a una candela che si scioglie.
E poi una luce tanto forte sembra fatta apposta per mettere in evidenza ogni minimo difetto.
Ogni punto nero diventa un cratere.
“Sono un mostro!”, ho esclamato l'altro giorno quando mi sono vista allo specchio sotto quei riflettori. Il mio naso non pareva più un naso, ma una fragola.
Ero quasi tentata di rimanermene lì a schiacciarmi punti neri fino alla chiusura del negozio, ma poi alla fine sono riuscita a resistere a questo malsano impulso.
Era il mio vecchio complesso della racchia che faceva capolino.
Ne ho sempre sofferto, ma di solito è latente.
Ci sono momenti, però, in cui le crisi esplodono in tutta la loro virulenza. Sono momenti che G teme particolarmente, perché in questi eventi lui si trova in una scomoda posizione. Esattamente in quella di uno a cui venga detto: “Attento! Tutto quello che dirai potrà essere usato contro di te!”
E certe volte anche quello che non dirà.
In realtà non ha vie di scampo. Ogni sua reazione non farà che peggiorare la situazione.
Immaginiamocela, questa situazione.
Io mi guardo allo specchio ed esclamo, affranta, “Ma sono orrenda!”
Cosa può rispondere lui?
Se risponde: “Ma no, tesoro! Sei bellissima!”, è evidente che sta esagerando, che mente. Suscitando il mio sconforto.
Può dire: “Ma che dici? Sei molto carina, invece!”, oppure: “A me piaci così!”
Sbagliato. La mia reazione potrebbe essere: “Allora lo pensi anche tu che non sono bella!!!”
Potrebbe addirittura venirgli in mente di rispondere: “Ma tu hai tante altre qualità che ti rendono speciale!”
Pessimo! È come confermare le mie paranoie. “Praticamente mi stai dicendo che sono davvero una racchia!”, è il mio primo pensiero.
Può anche non rispondere affatto e cercare di svicolare. Questo però non migliora affatto la situazione, tutt'altro.
A volte, quando mi vede così, G non fa altro che sospirare e andare a prendersi un analgesico, preparandosi alla battaglia.
La verità è che G non può farci proprio niente, non è una cosa che dipende da lui.
È una cosa privata tra me e lo specchio. E quell'infame che ha progettato i salottini di prova dei grandi magazzini!

NELLA FOTO: la piccola Kara si guarda allo specchio senza pensieri. Lei non ha MAI dubbi sulla propria avvenenza!

3 commenti:

Giustina Porcelli ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Giustina ha detto...

grande post!!! e cmq, non tutti gli specchi dei salottini di prova sono da spaccare a craniate. la maggior parte sì, ma alcuni sono magici. se ci fai caso si trovano nei negozi che vendono di più. bisognerebbe redarre una guida allo shopping in base alle luci (alcuni faretti sono micidiali!!!) e allo schiacciamento/allungamento della coscia. è un'idea.

Isabella Bella ha detto...

Qualcuno dvrebbe avvertirli. Uno specchio che mi fa apparire come una rana sbilenca non è che proprio m'invogli all'acquisto... e che dire di quelle commesse che, non avendo la mia taglia, cercano di sbolognarmene un'altra con la scusa che se è piccola s'allarga e se è grande si restringe? Ma che tessuti usano? :-D
I.